Comunicato stampa del Dipartimento del territorio

02.10.2013 —

Sostegno finanziario al progetto di recupero e valorizzazione del paesaggio e del patrimonio costruito di Corippo

Nella sua seduta odierna, il Consiglio di Stato ha adottato il Messaggio che – proponendo lo stanziamento di un credito di 950’000 franchi – quantifica la partecipazione cantonale, per il periodo 2014-2018, al finanziamento del progetto integrato di valorizzazione architettonica, urbanistica e paesaggistica del villaggio di Corippo, in Valle Verzasca. Il Governo cantonale ritiene di fornire in questo modo un impulso importante per rilanciare l’opera intrapresa fin dal 1976 per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio costruito e del paesaggio di Corippo, unico in Svizzera.

Il progetto sviluppato dalla Fondazione Corippo prevede investimenti per 6.3 milioni di franchi, suddivisi in tre gruppi di interventi e dilazionati in altrettante tappe, secondo ordini di priorità; in particolare, l’intenzione è di creare una struttura paralberghiera di accoglienza diffusa nel villaggio, ripristinare il mulino e provvedere a interventi di valorizzazione del paesaggio.

Per la prima tappa del progetto sono preventivati investimenti pari a 3.1 milioni di franchi; oltre al credito richiesto nel Messaggio, sono attesi contributi in base alla Legge sul turismo e alla Legge sulla perequazione intercomunale, per una partecipazione complessiva a carico del Cantone di circa 1.6 milioni. La Fondazione Corippo ha da parte sua attivato la ricerca di contributi rivolgendosi a enti, fondazioni e sponsor privati, con l’obiettivo di completare il piano di finanziamento della prima tappa del progetto.

La realizzazione di una struttura di accoglienza diffusa a Corippo – prima iniziativa turistica di questo tipo nel Cantone – ha il pregio di proporre un progetto contemporaneo senza distruggere l’anima e le radici del villaggio. In una prima fase vengono sistemati e utilizzati alcuni edifici di proprietà della Fondazione, ottenendo abitazioni-camere, adattando l’osteria del paese come struttura di ricezione polifunzionale e realizzando servizi centralizzati mediante la ricostruzione di stabili diroccati o demoliti.

Il Consiglio di Stato condivide quindi questo modello contemporaneo di utilizzazione del tessuto edilizio di Corippo, che punta a valorizzare il nucleo e il territorio nel quadro di una strategia che tiene in considerazione aspetti ambientali, monumentali, agricoli e turistici. Nel contempo, il progetto può diventare strumento di rilancio socioeconomico e fattore di promozione turistica tanto da costituire, nel contesto della nuova politica regionale, un concreto punto di riferimento per le zone periferiche.